Residence Privilege Apartments | Domotica e risparmio energetico

I lussuosi appartamenti del Residence Privilege Apartments di Vimercate rappresentano la perfetta sintesi di quel che riguarda la domotica, e dunque la presenza di un elevato livello tecnologico che consente di controllare i dispositivi di casa, che quel che riguarda invece la sostenibilità ambientale, dato che i suoi lussuosi appartamenti sono stati realizzati tenendo a mente i concetti di risparmio energetico e superamento di ogni spreco. La particolare cura del loro design e la particolare tecnologia che contraddistingue ciascun appartamento sono in grado di regalare un soggiorno veramente speciale agli ospiti e farli sentire come a casa, grazie anche all’angolo cottura presente in ciascun alloggio nonché al bellissimo terrazzino di cui ogni appartamento dispone. Soluzioni d’alto profilo dunque, sia per chi è alla ricerca di una soluzione di alloggio per spostamenti personali o di piacere, che per quanti viaggiano invece per motivi di lavoro e necessitano di una soluzione che consenta al tempo stesso di potersi dedicare tranquillamente al proprio lavoro.

Questi appartamenti a Monza offrono inoltre tutta una serie di servizi particolarmente apprezzati dagli utenti quali il Wi-Fi gratuito, possibilità di inviare o ricevere fax, trasferimenti da e per gli aeroporti limitrofi, parcheggio privato, possibilità di portare con sé animali di piccole dimensioni, comodo servizio di lavanderia e stireria, deposito bagagli ed un bellissimo giardino in cui trovare il relax richiesto. C’è davvero tutto dunque per poter trovare il benessere desiderato, considerando anche la posizione strategica che consente di raggiungere facilmente Milano e Bergamo, oltre che Monza. È possibile provare a richiedere una quotazione online per scoprire la miglior tariffa disponibile per il periodo prescelto, o richiedere direttamente di ricevere un’offerta personalizzata sfruttando l’apposito form di contatto. Per informazioni è a disposizione il recapito telefonico 0395973861, il team sarà lieto di fornire rapidamente tutte le informazioni o indicazioni richieste.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Tristezza da autunno, non tutti ne soffrono

Autunno, cadono le foglie… e a molti cala anche l’umore. Saranno le giornate che iniziano ad accorciarsi, il clima che diventa più umido e piovoso, ma per molti noi è più facile “ammalarsi” di winter blues, la tristezza dei mesi più freddi. Secondo uno studio sulla depressione stagionale, o SAD (Seasonal Affective Disorder), però alcune persone possiedono una sorta di scudo contro questa forma di depressione stagionale. E in generale le donne sembrano adattarsi meglio ai fattori di stress ambientale rispetto agli uomini. Pare infatti che alcune persone riescano a evitare la depressione mantenendo, o addirittura aumentando, i livelli di serotonina, il cosiddetto ormone del buonumore, per tutto l’anno. E questo accade, si legge su European Neuropsychopharmacology, anche se portatori di un gene che normalmente aprirebbe la strada al winter blues.

Colpa della mancanza di luce

Il disordine affettivo stagionale è causato proprio dalla mancanza di luce diurna, che porta ad un aumento della depressione durante l’inverno, specialmente nelle aree più lontane dall’equatore. Alcune ricerche hanno dimostrato che circa il 90% dei residenti di Copenaghen ne risentono, soffrendo di disturbi alimentari o del sonno. Sintomi clinici che con l’arrivo della primavera generalmente scompaiono.

“La luce del giorno è effettivamente un antidepressivo naturale”, spiega la ricercatrice  Brenda McMahon del Rigshospitalet di Copenaghen. Più giorni di luce impediscono quindi la rimozione di serotonina dal cervello.

Il gene della depressione

Gli scienziati, riporta Adnkronos, sostengono che il SAD è più comune nelle donne e nelle persone portatrici di un gene particolare (5-HTTLPR). Questa variante incide sulla rimozione del neurotrasmettitore dal cervello, tanto che la maggior parte dei farmaci anti-depressivi come il Prozac agisce rallentando proprio l’eliminazione della serotonina. Il team di Copenhagen guidato da Brenda McMahon ha condotto un studio su 23 giovani volontari con predisposizione genetica alla depressione, ma che, a sorpresa, facevano parte del 10% di danesi non condizionati dal cambio di stagione.

Le donne mantengono inalterati  i livelli di serotonina

I volontari sono stati sottoposto a scanner cerebrale (Pet) in estate, e poi per due volte in inverno, con l’obiettivo di osservare cosa accadeva alla serotonina. Gli studiosi hanno quindi riscontrato che il livello del trasportatore di serotonina diminuiva in media del 10% circa in inverno, con un calo maggiore nelle donne.

“Ma abbiamo anche notato – commenta McMahon – che alcuni tra i quali avrebbero dovuto sperimentare depressione stagionale, a causa della predisposizione genetica, erano comunque in grado di regolare la quantità di serotonina rimossa dal cervello, diventando più resistenti”. In particolare, le donne. Per loro i livelli di serotonina sono rimasti inalterati nel corso delle stagioni.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Addio assegno cartaceo, il titolo di credito diventa digitale

Gli assegni bancari a cui tutti siamo abituati, quelli che i clienti presentano in banca per il versamento sul proprio conto, perdono il formato cartaceo e assumono il nuovo formato digitale. Il processo di digitalizzazione del Paese investe anche gli assegni, e questo a causa della nuova procedura denominata Check Image Truncation (CIT), che trasforma gli assegni, una volta versati in banca, in un documento digitale.

L’assegno digitale, sottolinea l’Abi in una nota, ha piena validità a ogni effetto di legge, riducendo i rischi operativi legati al suo scambio materiale e lavorazione manuale. La CIT non incide sulle modalità di utilizzo e versamento degli assegni da parte dei clienti: l’emissione e la circolazione degli stessi rimangono infatti in forma cartacea, e il versamento avviene presso gli sportelli delle agenzie o presso gli Atmmultifunzione come previsto da ciascuna banca.

Dal 9 luglio 2018 la CIT è l’unica procedura utilizzabile dalle banche

Dal 9 luglio 2018 la CIT è l’unica procedura utilizzabile dalle banche per il pagamento degli assegni. Quando si emette l’assegno, o quando lo si riceve, è importante verificare che esso sia completo di tutti gli elementi obbligatori, ovvero luogo e data di emissione, importo in lettere e in cifre, nome del beneficiario, firma del correntista che emette l’assegno bancario (cosiddetta firma di traenza), o della banca che emette l’assegno circolare, riferisce AGI.Inoltre, sugli assegni di importo  pari o superiore a 1.000 euro deve essere presente la clausola “non trasferibile”.

Gli assegni privi di uno di questi requisiti non sono regolari, non possono essere incassati, e devono essere nuovamente emessi.

Facilitare il processo di digitalizzazione

Per facilitare il processo di digitalizzazione dell’assegno e il suo incasso, è opportuno, spiega l’Abi, compilare l’assegno con una scrittura chiara e comprensibile,

apporre le firme di traenza e di girata, gli eventuali timbri e le altre informazioni rilevanti negli spazi appositi, evitando che i vari dati si sovrappongano e diventino difficilmente leggibili. Qualora non sia possibile per la banca creare una immagine digitale valida, l’assegno è sottoposto a un processo di lavorazione più lungo, di cui il cliente viene informato tempestivamente dalla propria banca.

Cosa succede se un assegno non viene pagato e come evitare le truffe

Se un assegno non viene pagato la banca non restituisce al cliente l’assegno cartaceo originario (privo di valenza giuridica), bensì una copia cartacea conforme al documento elettronico con le informazioni relative al mancato pagamento. Le banche rilasciano una sola copia cartacea conforme che può essere utilizzata dal cliente al posto dell’originale cartaceo. Diffidare di chi chiede di inviare la fotografia di un assegno per completare un acquisto, magari a distanza o sul web. Gli assegni continuano a circolare in modalità cartacea, e sono le banche a creare le immagini digitali. Spesso la richiesta di foto di assegni nasconde tentativi di truffa

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Istat: in 10 anni raddoppiato il numero di chi cerca lavoro

Negli ultimi 10 anni il numero di chi è in cerca di un’occupazione è raddoppiato, passando dai 1,5 milioni del 2007 ai 2,9 milioni dello scorso anno (+96,3%). Il tasso di disoccupazione è passato dal 6,1% all’11,2% (+5,1 punti percentuali), mentre l’occupazione è calata dal 45,8% al 44,2% (-1,6 punti percentuali).

In termini assoluti il numero di occupati è aumentato, passando da 22,9 milioni a 23 milioni (+0,6%). Tuttavia nello stesso periodo la forza lavoro è cresciuta in misura ben maggiore, da 24,4 milioni a 25,9 milioni, con un incremento del 6,4%.

ll tasso di disoccupazione rimane il quarto valore più alto tra i Paesi Ue28

I dati sono contenuti nelle tabelle dell’Istat ed elaborati dall’Adnkronos. A spingere verso l’alto il numero di persone in età lavorativa è anche l’aumento della popolazione over 15, che da 50 milioni è salito a 52 milioni, registrando un +4,1%.

Il tasso di disoccupazione, ricorda l’Istituto di statistica nel dossier Il mercato del lavoro: verso una lettura integrata 2017, ”rimane il quarto valore più alto tra i Paesi Ue28”. La distanza con l’Europa, si sottolinea nel rapporto, ”risente delle forti differenze territoriali presenti nel nostro Paese, accentuatesi ulteriormente con la crisi e anche nella fase di ripresa”.

Inoltre, se la crisi ha ampliato i divari territoriali, si osserva nel dossier, ”ha ridimensionato invece il divario di genere, colpendo soprattutto i settori di attività con maggiore presenza maschile”.

“L’elevato tasso di disoccupazione in parte è conseguenza della sensibile riattivazione dell’offerta di lavoro”

L’Istat spiega come l’elevato tasso di disoccupazione sia ‘ in parte conseguenza della sensibile riattivazione dell’offerta di lavoro, dovuta al ciclo favorevole”. Un aspetto interessante per valutare in modo più ampio il fenomeno si può avere confrontando i posti vacanti e la disoccupazione, da cui emerge ”un andamento coerente con quello che ci si aspetta dopo una contrazione economica: un aumento del tasso di posti vacanti”.

Dall’inizio degli anni ’90 a oggi l’età media delle forze lavoro è cresciuta

La ripresa della domanda di lavoro, si osserva, è condizionata da diversi fattori, tra cui ”spiccano i cambiamenti demografici”. Dall’inizio degli anni ’90 a oggi, l’età media delle forze lavoro è cresciuta di 2 anni in più rispetto all’incremento dell’età media della popolazione della stessa età.

”Il calo della quota dei 15-34enni sul totale delle forze di lavoro 15-69 anni è stato più sensibile rispetto a quello osservato sulla popolazione, mentre è stato più forte l’aumento di quello delle fasce dai 35 ai 54 anni e dai 55 ai 69 anni”, spiega ancora l’Istituto.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Imprese italiane, le più tassate d’Europa

Le imprese italiane sono le più tassate d’Europa. E versano al fisco 101,1 miliardi di euro l’anno, per un’incidenza del prelievo sul gettito fiscale totale del 14,1%. Solo l’Olanda (14,2%) ci supera. Lo rileva la Cgia di Mestre, sottolineando che rispetto ai nostri principali competitor scontiamo differenziali preoccupanti. Tutti, infatti, presentano un “sacrificio fiscale” nettamente inferiore al nostro. Sulle aziende tedesche, ad esempio, grava un prelievo sul gettito totale del 12,3%, sulle spagnole dell’11,6%, su quelle britanniche dell’11,4% e sulle francesi del 10,2%.

“Il deficit infrastrutturale grava sul sistema produttivo per 40 miliardi di euro”.

“Sebbene alle nostre imprese sia praticamente richiesto lo sforzo fiscale più oneroso d’Europa – afferma il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo – lo Stato continua a non agevolarne la crescita”. Secondo Zabeo il debito commerciale della nostra PA nei confronti dei propri fornitori è di 57 miliardi di euro, di cui una trentina ascrivibili ai ritardi nei pagamenti. “Il peso economico dell’inefficienza burocratica della macchina pubblica sulle Pmi – continua Zabeo – è di 31 miliardi, e il deficit infrastrutturale, sia materiale che immateriale, grava sul sistema produttivo per almeno 40 miliardi di euro”.

I segnali di ripresa si stanno affievolendo

L’Ufficio studi degli Artigiani di Mestre sottolinea inoltre che la priorità in Italia è la questione economica. I segnali di ripresa registrati in questi ultimi 2 anni si stanno affievolendo, e anche quest’anno la crescita sarà la più contenuta in tutta l’Ue. Per questo è necessario intervenire per abbassare le tasse, alleggerire l’oppressione burocratica, accelerare i pagamenti della PA e tornare a investire. In merito agli investimenti il Segretario della Cgia, Renato Mason, sottolinea che “pur essendo uno strumento intelligente, il piano 4.0, fortemente voluto dall’ex ministro Calenda, è stato tarato sulle esigenze delle medie e delle grandi aziende”.

“Il grado di complessità raggiunto dal fisco scoraggia la voglia di fare impresa”

Oltre ad avere un peso fiscale che rimane tra i più elevati tra i paesi più avanzati, la Cgia ricorda che è altrettanto inaccettabile che il grado di complessità raggiunto dal fisco scoraggi la libera iniziativa e la voglia di fare impresa. Non è nemmeno più rinviabile una riflessione sull’assetto della magistratura giudiziaria, riferisce Ansa. “Il nostro sistema fiscale  è costituito da tre attori: il legislatore, l’amministrazione finanziaria e la giustizia tributaria – sottolinea Zabeo -. Ora, nessuno mette in discussione l’indipendenza e l’imparzialità dei giudici tributari, sta di fatto che il problema esiste e nel contenzioso giuridico tra fisco e contribuente lo squilibrio c’è e, purtroppo, è a svantaggio di quest’ultimo”.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Viaggi d’affari, i businessman li vogliono così

Come viaggiano per lavoro manager e addetti delle aziende del pianeta? Quali sono le loro esigenze e soprattutto le loro priorità? A questa e altre domande risponde una recente ricerca commissionata da Carlson Wagonlit Travel, società globale di gestione dei viaggi d’affari.

Meglio i punti fedeltà della sicurezza

Un po’ a sorpresa, si scopre dall’indagine che tre viaggiatori d’affari su dieci nel mondo sono disposti a sacrificare la propria sicurezza per guadagnare punti nei programmi fedeltà delle catene alberghiere. I viaggiatori americani sono i più inclini a questo comportamento (39%), seguiti dagli europei (34%) e da quelli provenienti dall’Asia Pacifico (28%). Per quanto riguarda i nostri connazionali, le percentuali cambiano un po’. Il valore risulta inferiore rispetto alla media europea e tra i più bassi del Vecchio Continente: infatti i viaggiatori d’affari italiani disposti a soggiornare in alberghi meno sicuri pur di ottenere punti fedeltà rappresentano il 29%, una percentuale comunque elevata. “Evidentemente, i viaggiatori sono molto concentrati sui loro punti fedeltà degli hotel, farebbero di tutto per ottenere quei benefici. Un modo per rispondere a questa sfida, evitando severe restrizioni, è lasciare che i viaggiatori collezionino punti per prenotazioni in linea con la policy aziendale” dice David Falter, President di RoomIt by CWT.

Albergo, cosa fa paura ai viaggiatori d’affari? Un intruso in camera il primo timore
Quasi uno su tre (30%) dei viaggiatori d’affari dell’Asia Pacifico ha espresso preoccupazioni per la sicurezza negli hotel. Tale percentuale si riduce al 27% per i viaggiatori provenienti dall’America e al 23% per i viaggiatori europei, mentre si attesta al 28% per quelli italiani. Alla domanda su cosa li fa sentire insicuri, esattamente la metà dei viaggiatori intervistati a livello globale ha dichiarato di preoccuparsi che un intruso possa entrare nella loro camera d’albergo. Quattro viaggiatori su dieci hanno affermato di temere che il personale dell’hotel dia inavvertitamente la chiave della loro camera o informazioni a un estraneo (41%) o di subire disagi causati dalle azioni di altri ospiti (40%).  Un terzo degli intervistati, infine, ha identificato gli incendi (36%) e gli attacchi terroristici (33%) come cause della loro preoccupazione.

Italiani più insicuri?

Per quanto riguarda i viaggiatori italiani, si scopre che questi sono più timorosi rispetto ai colleghi internazionali. La percentuale di viaggiatori d’affari che teme una possibile intrusione da parte di estranei durante il soggiorno sale al 59%, risultando la preoccupazione più diffusa tra i nostri connazionali. Seguono il timore di attacchi terroristici (36%), del rilascio involontario della chiave ad estranei (33%), di disagi derivanti da altri ospiti (32%) e di incendi (30%). La sicurezza in hotel è inoltre legata per il 39% dei viaggiatori italiani intervistati alla posizione dell’hotel.

Quali precauzioni prendono i viaggiatori per stare al sicuro negli hotel? 
Ovviamente, la maggior parte degli intervistati risponde che per stare al sicuro tiene sempre la porta della camera chiusa la chiave (75%). Più di un terzo dei viaggiatori intervistati (37%) ha dichiarato di rimuovere la chiave della stanza dal suo astuccio, in modo che nessuno possa collegare la chiave al numero della camera. I viaggiatori provenienti dall’America (42%) sono più propensi a farlo rispetto a quelli provenienti da altre regioni. Un’altra tattica, adottata dal 30% dei viaggiatori a livello globale e dal 35% in Asia Pacifico, è quella di mettere il cartello ”non disturbare” sulla porta quando escono dalla stanza. Ancora, circa il 25% degli intervistati (25%) sceglie un piano più alto quando possibile, mentre il 15% sceglie un piano più basso.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

LinkedIn festeggia i suoi primi 15 anni

Proprio in questi giorni LinkedIn, la più grande rete professionale online del mondo, compie 15 anni di vita. Nata nel 2003 come la prima piattaforma di social media per professionisti, nella sua prima settimana di vita LinkedIn ha raggiunto 2.708 utenti, che due anni dopo sono diventati 2 milioni. E in 15 anni ha raggiunto oltre 562 milioni di utenti a livello globale.

Oggi, con oltre 11 milioni di utenti, in Italia LinkedIn rappresenta la terza community europea di workers 4.0, collocandosi subito dopo la Francia, con 16 milioni di profili professionali attivi sulla piattaforma, e l’Inghilterra, al primo posto in Europa con oltre 25 milioni di utenti.

“Quando abbiamo aperto la sede italiana nel 2011 c’erano poco più di due milioni di iscritti”

“Quando abbiamo aperto la sede italiana nel 2011 c’erano poco più di due milioni di iscritti al network – commenta Marcello Albergoni, Head of Italy di LinkedIn -. Poter annunciare oggi di aver quintuplicato questo numero in poco più di sei anni ci rende orgogliosi del nostro lavoro e di far parte di un progetto che ogni giorno aiuta milioni di persone ad avere successo nella propria carriera”.

Una piattaforma che si evolve adattandosi alla nuova era digitale

Originariamente pensata per trovare lavoro in maniera semplice e creare connessioni, la piattaforma è diventata velocemente un luogo dove i suoi utenti potevano interagire e discutere di argomenti importanti per sé e per il futuro delle proprie carriere. “Proprio come il mondo del lavoro LinkedIn si è evoluto – continua Albergoni – trasformandosi e adattandosi alla nuova era digitale, seguendo trend come la veloce crescita del settore tecnologico o il continuo sviluppo di segmenti dell’innovazione come l’intelligenza artificiale, il controllo vocale e la robotica”.

Un ventaglio di opportunità lavorative sempre più ampio

Anche la varietà delle professioni rappresentate è aumentata, riferisce Adnkronos, evidenziando la propensione dei lavoratori italiani verso il mondo della finanza, della moda, delle startup e dell’industry 4.0.

“Un segnale questo che sottolinea come ormai il ventaglio di opportunità presenti sulla nostra piattaforma non si riferisca più a una singola categoria di lavoratori”, aggiunge Albergoni.

Insomma, “che tu sia un pilota o un insegnante di yoga, un venditore o un tester di birre hai a tua disposizione una community di oltre 11 milioni di persone in Italia, e oltre mezzo miliardo a livello globale, che possono aiutarti a raggiungere i tuoi successi professionali”, sottolinea Albergoni

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Riconfermato il Bonus di 600 euro per le mamme che lavorano

Il Bonus per le mamme lavoratrici è stato riconfermato dalla Legge di Bilancio 2017. Introdotto nel 2012 in via sperimentale, il voucher da 600 euro può essere utilizzato dalle neomamme che lavorano per pagare la baby sitter oppure l’asilo nido, pubblico o privato convenzionato. Il Bonus, ribattezzato Contributo per l’acquisto di servizi di baby-sitting, è destinato alle madri che non usufruiscono del congedo parentale. Le aspiranti beneficiarie, in possesso dei requisiti richiesti, possono accedere al contributo anche per più figli, presentando una domanda per ogni figlio.

L’importo viene erogato per un periodo massimo di sei mesi

L’importo del contributo è pari a 600 euro mensili, ed è erogato per un periodo massimo di sei mesi (tre mesi per le lavoratrici autonome), divisibile solo per frazioni mensili intere, in alternativa alla fruizione del congedo parentale, comportando conseguentemente la rinuncia allo stesso da parte della lavoratrice. Il beneficio, spiega l’Inps nel messaggio n.1428 del 30 marzo, consiste in due forme di contributo, alternative tra loro: il contributo per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati, e il contributo per l’acquisto di servizi di baby-sitting erogato secondo le modalità del Libretto Famiglia, riporta Adnkronos.

Chi ne può beneficiare?

Possono accedere al beneficio le seguenti categorie di lavoratrici: le dipendenti di amministrazioni pubbliche o di privati, le lavoratrici iscritte alla Gestione separata Inps che, al momento della presentazione della domanda, si trovino ancora all’interno degli 11 mesi successivi alla conclusione del periodo di indennità di maternità, le lavoratrici autonome o imprenditrici che abbiano concluso il teorico periodo di fruizione dell’indennità di maternità e per le quali non sia decorso 1 anno dalla nascita o dall’ingresso in famiglia del minore (nei casi di adozione e affidamento). Anche le lavoratrici part-time potranno fruire del contributo, ma in misura proporzionata in ragione del ridotto numero di ore lavorate.

La domanda va presentata entro il 31 dicembre 2018

La domanda va presentata all’Inps esclusivamente attraverso uno dei seguenti canali: servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto, enti di patronato, avvalendosi dei servizi telematici offerti dagli stessi, e Contact Center. La presentazione della domanda è consentita fino al 31 dicembre 2018, o comunque fino a esaurimento dello stanziamento dei fondi. I termini da rispettare variano, inoltre, in base alla categoria delle lavoratrici

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

NCC a Monza, che bello quando è green

Oggi vogliamo parlavi di GreenLimo, un servizio operato da un’azienda storica di Arcore che assiste da anni aziende ma anche privati nel noleggio con conducente. Questa tipologia di servizio, chiamata spesso per abbreviare NCC, è particolarmente richiesta laddove la discrezione, la professionalità ed in generale il livello del trasporto debba rispondere a determinati standard o requisiti. Oppure quando il cliente ha la necessità di spostarsi su molteplici tappe nell’arco della stessa giornata, ed ha quindi la necessità di un conducente che possa attenderlo ed accompagnarlo lungo l’arco di diverse ore.

Sull’NCC c’è poco di nuovo da dire, ma su GreenLimo sì: cosa ne pensate di un servizio interamente green, operato con veicoli 100% elettrici? Come dite, c’è già il car sharing? Certo, ma siamo a Monza… Un servizio di NCC Monza possiamo già definirlo una cosa rara, se poi viene svolto con mezzi che rispettano l’ambiente e sono orientati al futuro, ecco che l’innovazione va premiata. In particolare, GreenLimo si avvale della nuovissima Tesla, garantendo al contempo comfort di guida, silenziosità e, ovviamente, grande cura dell’ambiente, con emissioni nocive pari a zero.

Il nostro blog è orientato a raccontare storie di imprenditori di successo, ecco quindi che non poteva mancare Greenlimo, che chiaramente non è solo un servizio green ma anche puntuale, professionale e variegato, visitate il sito www.greenlimo.it per saperne di più.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Italia campionessa di sommerso

Brutto, bruttissimo titolo per il nostro Paese. L’Italia si colloca infatti al primo posto tra i principali Paesi dell’area euro per l’alto livello di economia illegale. A decretarci vincitori in questa triste classifica è il nuovo Working Paper pubblicato dal Fondo monetario internazionale. Si tratta di un’analisi che esamina il livello medio negli ultimi 25 anni della ‘shadow economy’, intesa come tutto l’insieme di attività nascoste alle autorità per motivi regolatori (per evitare le procedure burocratiche e regolamentari), monetarie (per evadere il pagamento di tasse e contributi) e istituzionali (corruzione).

In Italia “nascosto” l’equivalente del 24,9% del Pil tra il 1991 e il 2015

In base allo studio, in Italia la percentuale media di sommerso tra il 1991-2015 è stata pari al 24,9% del Pil. Subito dopo l’Italia fa appena meglio la Spagna dove il sommerso ha raggiunto in media il 24,5% del prodotto interno lordo. Nelle principali economie della zona euro, c’è solo un Paese messo peggio dell’Italia e della penisola iberica:  si tratta della Grecia, paese di cui è noto l’alto tasso di evasione dei suoi contribuenti, con il 27% di economia illegale rispetto al prodotto interno lordo nello stesso arco di tempo. Numeri molto diversi, e decisamente più bassi, per altre nazioni di Eurolandia: il Portogallo si è fermato a una media del 21,8%; la Francia del 14%, mentre in Germania l’economia illegale media è stata pari all’11,9%.

Austria, Lussemburgo e Olanda i paesi più onesti

Sempre in ambito euro, lo scettro del paese più virtuoso spetta all’Austria: nella nazione di Vienna si è registrata la quota media più bassa d’Europa per attività non dichiarate con l’8,9% tra il 1991-2015. Nel Vecchio Continente, si collocano decisamente tra i “buoni” il Lussemburgo, dove la shadow economy si è fermata in media al 10,6% del Pil, stesso livello più o meno in Olanda con il 10,7%.

Svizzera supervirtuosa

Nostra vicina di casa ma fuori dall’Unione Europea, la Svizzera si conferma il paese più virtuoso al mondo. La quota di sommerso si è fermata al 7,2%. Ottimi livelli di onestà anche in Gran Bretagna, con un percentuale media dell’11% del Pil, mentre negli Usa il “nascosto” è bloccato all’8,3% del Pil.

I paesi maglia nera al mondo

Analizzando anche i paesi fuori dall’Europa, quelli con la posizione peggiore sono la Bolivia con un livello medio di sommerso al 62,3% del Pil nell’arco di 25 anni, seguita dall’instabile Zimbabwe con il 60,6%.

Fra le economie emergenti la Cina ha visto una quota media di economia non dichiarata del 14,6% nel 1991-2015; in Brasile si è attestata al 37,6% e in Russia al 38,4%.

Condividi sui socialShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin